Aggregatore Risorse

Corsa all’anello

Corsa all’anello

È uno degli eventi medievali più importanti del panorama nazionale: la Corsa all’Anello, con cui Narni rievoca gli antichi fasti in onore del Santo Giovenale, primo vescovo della città. Furono gli statuti del 1371 a sancire definitivamente la nascita dei festeggiamenti in onore del patrono, tra riti, cerimonie e giochi. Sin dal primo maggio il Banditore rendeva pubblico l’evento festivo. La sera del 2 si svolgeva una imponente processione sotto lo sventolio dei gonfaloni, accompagnata dai cori religiosi e dal suono degli strumenti musicali.

Il 3 maggio, giorno dedicato al Santo Giovenale, dopo una solenne cerimonia religiosa in Cattedrale, la festa assumeva il proprio carattere ludico, lasciando spazio ai tradizionali giochi equestri; la corsa del Palio e la corsa all’Anello.
Durante il cinquecento, si aggiunsero ai tradizionali giochi, il combattimento tra il bufalo e il toro, la lotta, la quintana, le commedie allestite dai giovani narnesi, la colazione offerta alle donne.

Ricreata con successo nel 1969, oggi la manifestazione dura tre settimane per culminare la seconda domenica di maggio con la celebre Corsa al “ Campo de li giochi”: la lettura del Bando riporta Narni indietro nel tempo con l’apertura delle taverne, l’ Offerta dei Ceri, le Giornate Medievali e il Corteo Storico composto da musici, magistrature e terzieri che sfilano per le vie illuminate dal chiarore delle fiaccole.

Cuore della rievocazione resta la sfida equestre tra i terzieri (Mezule, Fraporta e Santa Maria): ogni cavaliere affrontando il proprio avversario deve infilare tre anelli lungo un percorso ellittico, al terzo anello è azionato un congegno che fa cadere l’nello dell’avversario in ritardo. Il terziere vincitore terrà in custodia, fino all'edizione successiva, l'anello d'argento.

 

Quella del 2021 sarà un’edizione virtuale ma non per questo meno entusiasmante. 

Una piattaforma 3D per "vivere" la festa e “incontrarsi” virtualmente in totale sicurezza e forni e taverne aperti per l'asporto, nel rispetto delle normative anti-Covid.

Primo Aevo, questo il nome della manifestazione, rappresenta la prima parte che anticipa Secundo Aevo, che si terrà a settembre. Gli eventi  non saranno in presenza, motivo per il quale verrà allestito uno studio televisivo al Palazzo dei Priori, da dove tutti gli appuntamenti verranno trasmessi in streaming sui canali ufficiali della Corsa all'Anello.

Grazie alla piattaforma social, a cui si potrà accedere attraverso una sezione dedicata sul sito ufficiale della Corsa, si potrà inoltre interagire in tempo reale, attraverso degli avatar che potranno essere personalizzati e assomigliare alle persone che li creeranno.

Nel mondo virtuale ci saranno una serie di ambienti come la piazza, il palazzo dei Priori con una serie di mostre virtuali, il Campo de li Giochi. Qui gli avatar potranno sfidarsi in un social game che riprodurrà la Corsa all'Anello, una sala cinema dove si potranno vedere dei video, in una poltrona virtuale con pop corn e una taverna che riprodurrà quelle della festa e dalla quale si potranno anche ordinare i piatti da asporto.

Per l'occasione, infatti, i forni e le taverne dei tre terzieri di Mezule, Fraporta e Santa Maria saranno aperti per i pasti da asporto.

Il programma della manifestazione comprende anche conferenze, spettacoli, interviste, video, mostre e tour virtuali, momenti di intrattenimento ed appuntamenti gastronomici.

Programma

Per informazioni:
www.corsallanello.it