Aggregatore Risorse

Todi Festival 2021

Todi Festival 2021

Todi Festival si conferma uno dei principali appuntamenti culturali in Umbria e in Italia, un laboratorio di sperimentazione per nuovi progetti, con l’attenzione soprattutto alla nuova drammaturgia italiana, con opere inedite, debutti nazioni ed esclusive regionali, un trampolino di lancio per artisti emergenti, nazionali e internazionali, ma anche un palcoscenico di prestigio calcato da importanti nomi del panorama artistico, italiano ed estero.

Una realtà vivace e dinamica che guarda avanti, che presenta alla ribalta giovani attori, nuovi autori e nuovi registi. Testi classici riproposti accanto a testi moderni appositamente realizzati per il Festival, una contaminazione di generi e di proposte culturali originali tra teatro, musica, letteratura e arte contemporanea, con grande carica provocatoria.

Aspettando Todi Festival 2021, prosegue la tradizione di affidare a celebri artisti italiani contemporanei l’immagine dell’evento. È infatti lo scultore Arnaldo Pomodoro a firmare il manifesto che accompagnerà la promozione e lo svolgimento della XXXV edizione.

“Per il manifesto del Todi Festival 2021 - dichiara l'artista - ho pensato di riprendere in forma di segno grafico uno dei miei Scettri, libero dalla sua base fissa e dal peso della materia. I cinque Scettri in alluminio, che ho ideato per la mia sala personale alla Biennale di Venezia del 1988, saranno installati nei Giardini Oberdan di Todi, dove potranno manifestare al meglio la loro valenza di segnali astratti come antenne del futuro e, allo stesso tempo, maschere tribali: negli Scettri ho voluto, infatti, esprimere un senso arcaico legato a un immaginario tecnologico, futuribile”.
 

In omaggio all’artista, il Comune di Todi ha programmato la mostra temporanea Labyr-Into. Dentro il labirinto di Arnaldo Pomodoro che sarà allestita nella suggestiva Sala delle Pietre, situata al primo piano di Palazzo del Popolo. L’esposizione verrà inaugurata nel corso della prima giornata del Todi Festival, Sabato 28 Agosto e il vernissage sarà preceduto da un Art Talk della curatrice Francesca Valente in conversazione con Bruno Corà, Fondazione Burri (Città di Castello), Marco Tonelli, Palazzo Collicola (Spoleto) e Federico Giani, Fondazione Arnaldo Pomodoro (Milano).

Il proficuo incontro tra Todi Festival e l’opera del Maestro è frutto della collaborazione con la Fondazione Progetti Beverly Pepper di Todi e la Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano, già attive nell’organizzazione della seconda edizione del Festival delle Arti, in programma a partire dal 24 Luglio e che proseguirà anche durante il Todi Festival.

Intanto sono stati selezionati i 6 spettacoli, di cui 5 debutti assoluti e un’anteprima nazionale, tra i 451 progetti pervenuti a seguito della call Todi Off 2021, che andranno a comporre la rassegna dedicata al teatro e alla danza contemporanea italiana, a cura di Teatro di Sacco, in collaborazione con Teatro e Critica, orientata alla formazione del pubblico per un suo avvicinamento al teatro indipendente.

Gli spettacoli, che andranno in scena nella suggestiva cornice del Teatro Nido dell’Aquila, sono Il bambolo di Irene Petra Zani, con Linda Caridi, regia di Giampiero Judica; Oriri di Paolo Rosini | Bambula project; Rimini del Gruppo RMN in collaborazione con Ginkgo Teatro; Acqua Viva con Elena Arvigo da Clarice Lispector; Hu|Or|ME di Kinesis CDC; Eufemia di Giorgia Lolli.

Per informazioni:
www.todifestival.it